venerdì 8 aprile 2011

Mumbe mumble

Friday morning, nell’openspeis si schiatta di caldo.

Seavessi è un po’ agitata, questo WE (single mode naturalmente), deve affrontare un suo piccolo, privato, grazioso demone personale; deve dire a una persona che no, in effetti non se la sente di prendere un certo impegno, e non ha altre scuse se non che non se la sente di portare via tempo all’Infanta, a MaritoNP, alla casa e in definitiva anche a se stessa.

Seavessi non è brava a dire di no, e per quanto di scarsa importanza questa faccenda le sa un po’ di battesimo del fuoco. Vediamo se ce la fai a tenere il punto, dice la vocina della coscienza, anche quando verrà fuori il discorso _eeeeh  ma guarda che non ce l’hai mica solo tu un lavoro e una famiglia e degli impegni.

No, non ce li ha solo Seavessi, ma sta a Seavessi decidere come gestirsi e come impegnare se stessa in quanto risorsa condivisa.

Mmmh.  Mumbe mumble.

Ieri sera a Seavessi è successa una piccola cosa che l’ha fatta riflettere.

Ha ricevuto una telefonata graditissima e inaspettata, e ha realizzato quanto poco spesso le capiti di sentire la persona che l’ha chiamata.

E perché non la chiami tu?

Per paura di rompere, perché abbiamo tutti vite incasinate nel cui bilancio quei cinque minuti non sono indifferenti, per N ragioni fra cui una è che la persona dall’altra parte del telefono è una conoscenza nata in rete, e per una qualche ragione questo porta Seavessi a sentirsi invadente.

Seavessi in un lampo di lucidità, (per Seavessi un’esperienza rara e meravigliosa) si è resa conto che in definitiva questa persona avrebbe potuto incontrarla in vacanza, o sul lavoro, o dal panettiere che comprava due rosette e tre tartarughe, e in definitiva cosa sarebbe cambiato?
Così Seavessi ha scritto un sms che diceva più o meno senti possiamo passare alla fase in cui siamo due amiche che abitano lontano e ogni tanto si chiamano? E si è vista rispondere _eh ma avevo paura di rompere.



Seavessi deve decisamente rivedere qualcosa nel proprio rapporto col resto del mondo, il che per una sociopatica anaffettiva dichiarata è già un bel passo avanti.

Visto che Seavessi è un po’ agitata, le raccontate qualcosa? Quello che volete, come vivete voi le web-conoscenze, cosa fate per cena, che libro state leggendo. Giustappunto, Seavessi avrebbe voglia di un libro o di una film romantico (meglio il libro però), per chi l’ha letto un po’ sul genere _La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo.

Suggerite gente suggerite!

33 commenti:

serenamanontroppo ha detto...

Anche a me risulta difficile dire di no, soprattutto a chi questo genere di risposta proprio non se l'aspetta, ma vedrai che una volta fatto ti sentirai meglio.
Ho appena iniziato a leggere "intelligenza emotiva per un figlio", suggeritomi da un'altra mamma blogger, sembra interessante!

Mammachetesta ha detto...

Dire di no è la cosa che anche a me risutla più difficile.
Per dire...ieri sera sono partita offrendomi di andar a prendere a scuola i ragazzi di catechismo per portarli all'oratorio nei 4 martedì in cui pranzeremo assieme...e mi sono trovata incastrata a fare il ragù per tutti...son 45!!!!!
E' il mio tallone d'Achille.
Io le web conoscenze le stra-amo.
A parte LaRossa e LaMiglioreAmica le altre amicizie vere sono nate on line.
Infatti aspetto il 7 e 8 maggio per un meeting romano a cui tengo...beh onestamente più che alla comunione di mia nipote e infatti son terrorizzata che siano lo stesso giorno!

Ty® ha detto...

Dire di no è un bel problema... l'altro giorno ci sarebbe stato benissimo un bel no... peccato che nessuno mi aveva chiesto niente, dando per scontato tutta la situazione... sono ancora arrabbiata!

Per la paura di rompere, non posso aiutarti... io sono uguale a te con l'aggravante che faccio uguale anche con le conoscenze reali.

la tina ha detto...

beh, io ho qs problema con una certa persona :D di cui ho il cellulare ma non lo uso mai perchè dico eh ma con tutte le cose da fare pensa se la sera/il weekend c'ha tempo per me. lo faccio anche con le persone fisicamente presenti. e ora che sto per partire, mi dico ma perchè non ho chiamato quella persona meravigliosa + spesso per vederla? perchè le scocciavo. è la sindrome piccola-e-nera, sarò mica abbastanza interessante da occupare il suo tempo.
cmq, per una lettura, una sotria romantica ma non leggerissima, ma per me potrebbe piacerti perchè è ben scritta, è "le notti di teheran" che ho appena finito. bel contesto. prova ;)

Seavessi ha detto...

@serena grazie della dritta! ci devo pensare però, diffido un po' dei libri sul figliume :-(

@roccia oh ma come ti capisco!!! e come mi piacerebbe andare anche io a un blog raduno!

@Ty sì, è un problema... ma stavolta devo uscirne. Anche io faccio uguale con le conoscenze reali, in effetti. Ma faceva molto brutto dirlo e volevo fingere che fosse una cosa limitata U_U

Seavessi ha detto...

BLIN BLON comunicazione di servizio: ho appena ricevuto un sms, ma non so se l'ha mandato Ty o la Tina. In ogni caso la risposta è ovviamente sì, ne sarei felicissima!!!!

la tina ha detto...

tina. la tina io. ciao sono iooooooooooooooooooooooo, amore miooooooooooooooooooooooooooooooooooo... non riesco a non cantarla appena sento le parole "ciao sono io". mi scappa anche con gente con cui non c'entra nulla nullissima :D

pinkmommy ha detto...

Anche io devo dire (con mille difficoltà) un no per una cosa che avevo detto di voler fare con gnometto (equitazione con un amico) ma ora a incastrare compiti e mezz'ora di macchina per andare nun ja fo...panico all'idea di dire di no!!!
Di amicizie nate in rete ne ho e ne ho avute, anche se pure io ho quel problemino per cui "no ma disturbo figurati se ha piacere ma chi sono io per toglierle tempo" ecc....ma sto cercando di pensare di meno e fare di più...

Seavessi ha detto...

@tina amor de mi vida, tu non sei esattamente una conoscenza via web, o sbaglio? cioè io tutti quei caffè con chi li ho presi, con harry potter? Cioè tu sul serio ti fai il problema di chiamarmi? ma sarai ben cretina?

@pink dai facciamoci compagnia, sto cercando anche io di fare lo stesso .-)

dabogirl ha detto...

il problema sai qual è? che noi sociopatiche anaffettive ci incontriamo, ci annusiamo, ci amiamo alla follia e poi diciamo: "eh ma avevo paura di rompere". Ma ce la possiamo fare. Anche perchè le chiamate poi sono così belle!!!

Cippalippa ha detto...

Ciao a tutti, sono Cippa e anch'io sono incapace di dire di no. (e qui ci sta un "Ciaaaao Cippa!" come in ogni gruppo di self help che si rispetti).
Credevo fosse una tara piuttosto rara ma, wow, sono in compagnia.
Nel mio caso - sono una maestra in autoanalisi da due soldi - la suddetta incapacità è più o meno generata dal mio latente bisogno di conferme/ fame di affetto (vuoi mai che uno al quale hai detto di no, poi non ti chiami più/voglia più bene!).
Se ce la fai col no di stasera, domani voglio asssssolutamente sapere come hai fatto e come ti sei sentita!
Per il libro ... ho pianto come una vite tagliata con la Moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo e l'ho adorato ma a ben pensarci non ho letto nulla di simile ultimamente. Se può piacere il genere l'ultimo di Ammaniti "Io e te" è una sorta di storia d'amore. Amara, a tratti grottesca, a tratti divertente come buona parte delle cose di Ammaniti.
Buon we Seavessi, che il sole tiepido splenda sul tuo amabile cranio.

Ty® ha detto...

Il sms non era mio... ecco, quasi dimenticavo, l'ulteriore aggravante è che io aborro sms-are... quando ricevo un sms penso sempre "ad un orario decente chiamo" poi però non mi pare mai il momento giusto e passo anche per maleducata oltre ad asociale :-(

la tina ha detto...

eh ma sai... lo so che non è nata via web... ma se sei single-senza impegni relazionali-nomade come me, le persone con famiglia-figli ti sembrano un po' 1 mondo a parte, una dimensione diversa. chissà che vita piena. chissà quante responsabilità che io manco immagino. chissà quanto amore ha già - pare 1 cazzata ma non lo è - io che mi ci piazzo in mezzo a fare? e poi se chiamo e il figlio piange/la cena brucia/il marito rogna? ecco. e se porto via tempo alle cose IMPORTANTI?
piccola e nera, piccola e nera....

Seavessi ha detto...

@dabo sì, ce la possiamo fare ;-) ma forse se prima o poi ci incontriamo è anche meglio!

@cippa Ciaaaao Cippa! :-D l'hai letto? l'hai letto? non è meraviglioso? pensa che io son riuscita a leggerlo più o meno nelle date dei capitoli, tipo ho letto la parte 24.12.2007 il 24.12.2007. Oh ma che meraviglia di libro!

@Ty mmh. anche io ho qualceh sms problema. per esempio mi dimentico di richiamare...

@tina ppccciù cara. e io penso chissà che vita piena quanti amici aperitivi cosa da fare e gente da vedere, cosa la chiamo a fare che al massimo le racconto che ho bruciato la cena?

Ty® ha detto...

Beh ma anche io dopo circa mezz'ora di "ora non è il momento giusto" finisce che mi dimentico... gemelle separate alla nascita hahahahaha

Patrizia ha detto...

mumble mumble... mi sa che anche io rientro nella categoria "sociopatiche anaffettive", potresti approfondire l'argomento?
Anche io non sono brava a dire di no, ma quando ce vo', ce vo' (sono di roma, si sente?)... il non portare via (il poco disponibile) tempo a se stesse già mi sembra un motivo più che sufficiente!!

ElizabethB ha detto...

Ragazze, amicizia via web o no, è sempre una questione di timori idioti. Di dar fastidio, di sentirsi idioti davanti a chi, pensiamo, abbia ben altro per la testa che star a sentire noi, di DISTURBARE chi crediamo abbia una vita molto più piena della nostra (figli, marito, amici o aperitivi, che cambia?), di sentirci rispondere "scusa ti richiamo che mi va l'acqua per fuoco/Scusa ti richiamo, mi aspettando ad un apericena"...in fondo, sono solo paure sceme. E io mi ci metto in mezzo, neh, non sono assolutamente esente, anzi! Se imparassimo essere meno timorosi e parlarci un po' di più, ne guadagneremmo tutti...ma da che pulpito!

Lucyette ha detto...

Io NON riesco a dire "no". Mi sembra quasi immorale negare la mia disponibilità a fare una cosa che però effettivamente potrei anche fare: chi sono io per negarmi? Eh?
Uno dei primi "no" della mia vita l'ho detto qualche giorno fa, e... mica mi han dato retta! ç___ç
Continuano a insistere, io sono disperata, BUAAAAAHHHHH, ma NON VOGLIOOOOOO!!!
ç____ç

Comunque è stata bellissima, 'sta cosa: prima ho letto il post di Dabogirl, poi ho letto il tuo, in successione... sembravano uno spin-off l'uno dell'altro :-D
E ovviamente, non starò a specificare che anche io ho sempre paura di disturbare la gente con una telefonata inopportuna, mia cara reincarnazione (che poi, se la reincanazione sono io, tu cosa sei? "Mio caro cadavere reincarnato"?).
Addirittura, ho paura di disturbare anche solo con un sms o una email, quindi va a finire che in questi anni ho praticamente perso di vista tutti i miei amici torinesi pre-trasloco in Lombardia...

serenamanontroppo ha detto...

Adesso mi è venuta la curiosità di leggere la moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo...
Se non ti va di leggere libri sul figliolame, potrei suggerirti in alternativa il libro che ho appena finito: Camilleri - la scomparsa di Patò...

Mammazeroventi ha detto...

Dire di no è un dramma per tanti, anche per me!!!
Per il resto ho messo il cervello in pausa lettura, e negli ultimi giorni il film, anzi l'unico film che ho visto ( ma che non ti consiglio)è una schifezza poppantesca con topolino e compagnia bella!!!!
Ah!!! Le web amicizie...beh, riescono a farti conoscere le persone per quello che sono, e non per quello che il vederle ti suggerisce...Vabbè la mia visione delle web-amicizie è un po di parte, visto che una di queste mi ha cambiato la vita e alla fine l'ho sposata!!!!

Mia ha detto...

E' vero dire NO è difficile ma sai una cosa? Io sto imparando a dirlo visto che me lo sento dire spesso senza che gli altri si facciano molti problemi pur sapendo che soo sola e ho bisogno di una mano. Per cui anhce io sto imparando e sono soddisfazioni.
Amicizie in rete....dipende...quelle coltivate da tempo sono diventate delle vere e proprie amicizie quindi ci chiamiamo senza problemi....All'inizio magari c'era un po' di imbarazzo ma poi è passato per fortuna!Per farti un esempio domenica vado al compleanno del bimbo di una mia cyber-amica e con la stessa si va al mare in luglio! ^^

Seavessi ha detto...

@patrizia, hai ragione. Qui tocca esplodere l'aragomento sociopatiche anaffettive, devo pensarci.

@liz. Ecco. io credo di aver focalizzato il problema.questo _non chiamo se no disturbo, ho paura di rompere ecc, deve essere una manifestazione collaterale di un certo tipo di carattere, perché il punto è che in genere poi noi sociopatiche anaffettive ci piacciamo tra noi. Solo che essendo appunto sociopatiche anaffettive, non ce lo diciamo manco a morire.

@Serena leggilo, vale la pena. e stasera vado a comprarmi camilleri, grazie!

@zeroventi ma dai sul serio? uh come sono curiosa...

@mia che bella cosa. anche io prima o poi riuscirò a incontrare le webamiche!

SuSter ha detto...

Quando si parla di incontri in carne e ossa con gente conosciuta sul web, generalmente mi eclisso, glisso, mi inabisso... non è questione di rompere o no, per me, almeno, è un po' paura di uscire allo scoperto, dire: ecco, questa è la persona che hai conosciuto attraverso il personaggio di cui scrive le gesta, filtrato dal setaccio del come mi piacerebbe apparire, che io lo voglia o no. Il web è un grande strumento per le conoscenze, perchè permette di individuare spiriti affini in persone che mai forse nell tua vita avresti incontrato. Ogni rapporto ha la sua dimensione e la sua ragion d'essere. A me non dispiace che alcune conoscenze siano definitivamente cponfinate all'universo virtuale, che liobera da tante costrizioni, convenienze, circostanze, obblighi, cortesie, ti fai vivo quando vuoi e non hai bisogno di giustificarti. Un pochino sociopatica anche la sottoscritta, che in questo momento non ha la fantasia di gestire altri rapporti che questi, fatti di righe scritte e qualche foto... Un libro romantico ma triste è Espiazione di Mc Ewan (non ho letto La moglie etc etc.. ma prima o poi dovrò farlo: ne sento parlare in continuazione!)

Owl ha detto...

Uhm averlo letto prima sto post.
Anch'io ho sempre paura di rompere le scatole.
Pensa che certe volte non commento neppure .-( Anch'io sociopatica, ma che sta facendo terapia (con il blog... ogni volta schiacciare il pubblica post mi richiede una certa violenza su me stessa... sai per paura di rompere chi legge. Sono senza speranza)

Il libro l'ho letto, e mi è piaciuto tantissimo. A livello di quello non mi viene niente al momento. Però se già non lo conosci, o letto, o te l'hanno già consigliato prima (non ho tempo purtroppo di leggere tutti i commenti) ti consiglio Stefania Bertola. In particola Biscotti e sospetti.
Buon weekend!

Owl ha detto...

Ah dimenticavo... ti seguo su twitter eh (se non ti rompo :-D)

Seavessi ha detto...

@suster hai ragione cara, è un altro aspetto della questione. ma stai bene? è tutto ok, se posso chiedere? (se non rompo, e te dai...)

@owl ohmy la mia prima follower su twitter. Emossione. ti devo una colazione.
Sono una superfans della Bertola, ma il mio preferito è A Neve Ferma :-)

Contessa ha detto...

neppure io riesco a dire di no. spessissimo.

e non telefono perchè oltre a ''ho paura di rompere''...''mi vergogno'' di cosa nn so.

ElizabethB ha detto...

Seavessi tu mi piaci un casino! Ecco, ho fatto il primo passo verso la guarigione. Forse.

MissMartinaB ha detto...

Anche a me capita spesso di temere di dar fastidio ma poi penso che l'importante è non dare per scontato che gli altri siano pronti a riceverci nel momento in cui l'abbiamo deciso noi. E questo non vuol dire che non gliene frega niente, solo che magari non è il momento. Perché credo che questa paura di dare fastidio sia più paura di ricevere un no.

WonderP ha detto...

Libro da consigliare? "il paradiso degli orchi", io per la 4° volta e lo trovo ancora fantastico.
Ma che te lo dico a fa?

sfollicolatamente ha detto...

Libro da consigliare 2: "Self: lui, lei, o forse entrambe le cose".
http://www.ibs.it/code/9788838454783/martel-yann/self-lui-lei-o.html
Dell'autore di "Vita di P", quello del ragazzino naufragato sulla barca con la tigre - uno dei miei libri preferiti ad oggi.
Questo non l'ho letto, ma mi ripropongo di farlo, non so se conta lo stesso...
In bocca al lupo per il no, tieni duro!!

IRE B. ha detto...

l'ho letto "la moglie dell' uomo che viaggiava nel tempo"...e mi è piaciuto talmente tanto che dopo averlo finito sono rimasta a rimuginarci su un po'...credo sia una delle migliori dichiarazioni d'amore....se ne hai voglia leggi anche "questo bacio vada al mondo intero"...meraviglioso!

Lucyette ha detto...

(Aggiornamento al mio commento di ieri, ore 12:06. Ho detto chiaramente "no, non ci penso proprio, manco morta", e sono stata COSTRETTA a fare lo stesso una cosa che non volevo.
Sono ancora incredula. Per una volta in tutta la mia vita che trovo il coraggio di dire no, è questo il trattamento che mi riservano? ç_ç
BUAAAAAHHHH!)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...