giovedì 21 luglio 2011

Seavessi Sogna il Sud

Seavessi fa parte di una famiglia di cui è acclarata la presenza del paesucolo o immediate vicinanze a partire dal... circa ‘600. Seavessi non sta millantando altolocate ascendenze, semplicemente nessuno s’è mai smosso da lì.

Solida famiglia contadina senza grilli per la testa, che si spostava dalla cascina natìa solo in caso di alluvione e poi ancora.

Seavessi non ha parenti fuori dalla provincia, o meglio no, due cugine abitano nella provincia limitrofa, a quasi mezz’ora di macchina perché di mezzo c’è il fiume, in linea d’aria è molto molto meno.

In più trattasi di ascendenza radicatamente piemontese, con influenze presumibilmente celtiche. Che nei secoli ha amato i viaggi e le avventure più o meno quanto la pellagra o la malaria. In viaggio ci si andava quando qualcuno ti spediva in guerra.

Ciò fa sì che Seavessi, nel uso inconscio più profondo, nutra una piemontese fascinazione e allo stesso tempo diffidenza verso i luoghi “lontani”, quei posti strani dove c’è quel mare che anche di notte non si ferma mai. Seavessi non lo sa dire bene ma fa niente, tanto l’ha già detto l’immenso Paolo Conte in Genova per noi.

L’ascendenza celtica inoltre fa sì che Seavessi, se proprio proprio deve allontanarsi da casa, si trovi a suo agio in posti dove piove almeno una volta al giorno, dove ci sono nuvole abbastanza per tutti e dove possibilmente si possa girare con il maglioncino di cotone anche in piena estate. Per dire, Seavessi quando stava a Dublino stava un fiore.

Ma quando sogna, Seavessi sogna il sud.

E’ un sud fiabesco e generico, probabilmente inesistente. Un collage mentale di foto delle vacanze di amici, di racconti di miglioreamica delle vacanze in Puglia, di qualche immagine che ogni tanto le manda Gì, e sì, senza vergogna, anche dei libri di Camilleri, dei film di Salvatores.

Seavessi sogna di venti caldi, mare sotto il sole, un sole così diverso e più potente di quello che conosce lei. Sogna i profumi alieni di una terra che non conosce, perché a Seavessi quello che rimane impresso nei secoli  sono i profumi. Sogna colori forti e parlate allo stesso tempo note e ignote.



E fulmine di guerra che sei, prendere e andarci?

Seavessi ci prova ogni anno. Sogna un generico appartamento in mezzo al niente (come faccia un appartamento a essere in mezzo al niente non si sa, ma tanto è un sogno), ché per Seavessi la vicinanza di svaghi e divertimenti vacanzieri è decisamente un meno. Una spiaggia non troppo  lontana, il vento caldo e il caldo secco.

Ogni anno alla fine viene fuori che è troppo sbattimento, non conosciamo i posti, è lontano, partono dei giorni di ferie solo per il viaggio, l’Infanta c’ha un incarnato da principessa dei ghiacci cosa vuoi portarla ad arrostirsi? Si scotta che è un piacere già in Liguria, e MaritoNP se proprio proprio gli tocca partire preferisce l’Istria.

Seavessi ogni anno si arrende alle considerazioni pratiche, al buon senso a quella razionalità che non riesce a scollarsi di dosso, e di nascosto ascolta un cd di pizzica portato a casa da ZiaBella dopo una vacanza in Salento. 

E nel frattempo prepara le valigie per la montagna e laValle Piovosa, dove sa che starà bene e nessuno le toglierà il suo temporale quotidiano.

Ma Seavessi

Sogna

il Sud.

22 commenti:

mammadifretta ha detto...

cefalù, b&b la giara, cultura e mare a due passi. no discoteche, solo ristoranti e gelaterie a due passi ;). voletto low cost e se avessi si fionda. bacione, invece io per abitarci sogno il profondo nord.quello dove il reddito procapite è il doppio, che qui ad aumentare sono solo gli affitti, che la gente a reddito zero qui vive meglio di chi lavora. baci.

Emily ha detto...

Io adoro tutto ciò che sa di celtico. Adoro la pioggia, la montagna, i maglioncini d'estate, la nebbia.... Io partirei di corsa per l'Irlanda, la Scozia, la Norveglia... Ma quest'anno intanto mi godo il Trentino e l'Austria...
Il mare caldo, proprio no...
Ma, come diceva qualcuno, DEGUSTIBUS

Mammachetesta ha detto...

IO con un post di questo genere mi son prenotata una settimana in Toscana.
Toscana perchè DaddyBear sembra MaritoNP+tutte le tue ascendenze celtiche messe assieme.

SuSter ha detto...

Ascendenze celtiche?? Mmmh... io curiosa!
Neanche a me allettano troppo i divertimenti vacanzieri. Discoteche sul lungomare, localini trandy (trendy? Vedi, manco se come si scrive), l'aperitivo in spiaggia, le notti selvagge e i giorni comatosi ad arrostirsi sulla sabbia. Amo il mare un po' selvatico, montalbanesco, preferisco gli scogli alla spiaggia, ma l'estate piovosa, no, quello no. e' che le mie ascendenze sono miste e isolane, e moderatamente meridionali. Il sangue non è acqua, se mi è concesso un luogo comune (mi perdoni Salvuzzo!)

mammadifretta ha detto...

da noi in sicilia le discoteche sono ormai fuori moda... a noi piace il pesce alla brace al tramonto. il pane fresco, il gelato artigiacnela...mare e tranquillità...scegli la sicilia(e passa da melazenzero.blogspot.com..che come la racconta lei, non la racconta nessuno)

Ty® ha detto...

Divertimenti vacanzieri? Ma anche no!
L'anno scorso siamo stati al mare un mese (capisci? Un mese! Erano secoli che non stavo un mese al mare), appartamentino a 10 metri dalla spiaggia e il massimo del 'divertimento vacanziero' è stato una sera che degli indigeni (vicini di ombrellone) ci hanno invitato alle giostre... poi si sono fatti perdonare con un invito ad una grigliata in montagna ;-)
Quest'anno torniamo di nuovo nel profondo sud (dopo la punta... il tacco) perchè è proprio il tipo di vacanza che piace a noi, lontano dal caos e dal divertimento a tutti i costi.

Seavessi ha detto...

@mammadifretta ho visto il sito, che meraviglia...

@emily io sto a metà. amo proprio il mare, non lo stare al mare, starei in acqua per ore. poi in spiaggia mi rompo dopo 10 minuti, ma stare in acqua... oh, stare in acqua!!!

@roccia eh sì... trascinare MaritoNP al mare + caldo non è mica unì'impresa da ridere...

@Suster il mare montalbanesco. ecco. proprio quello. Salvo del mi corazon.

Seavessi ha detto...

@ty proprio come vorrei fare io. è che sono la meno pantofolaia della famiglia, il che la dice mooooolto lunga... per sapere, come ti gestisci la pulce e il viaggio in macchina?

Semplicemente Mamma ha detto...

lqa foto che hai messo è esattamente quello che vedevo io dalla finestra di casa mia giù al sud...no nsud come montalbano...ma poco più su...seavessina se vuoi io ti ci invito dalle parti mie...quando vuoi....casa mia è aperta tutto il mese di agosto...accogliamoa nche donne incinte con mariti e prole, niente costi di gestione, solo perditempo...tel ore che pupa non dorme!!!!!baci baci!!!!

la tina ha detto...

oh dear. senti. sembra pantelleria, lo sai? ma il cielo è + azzurro e le nuvole non le vedi, può andare bene? ah sì, c'è solo il fatterello che non ci stanno spiagge. solo scogli. ma per il resto...... t'ho mai detto che mamma ha casa a pantelleria???? :D

Stresserentola ha detto...

c'ho un post per te ;-)

Seavessi ha detto...

@SM in un impeto di follia potrei anceh arrivare eh??? :lol:

@Tina in effetti credo che la foto sia di pantelleria... mi sei proprio venuta in mente tu ;-)

@stress... graziegraziegrazie, è bellissimo *_*

Semplicemente Mamma ha detto...

@seavessi...ne sarei felice...magari arriva per il compleanno della pupa così c'è pure la torta aggratisse!!!!!

Fabi ha detto...

Bugia nen..da brava Piemontese Bugia nen Seavessi...sogna pure fin che vuoi il tuo amato Sud ma Bugia bugia nen!!!

Seavessi ha detto...

eheheh Fabi... dici che se mi muovo faccio danno????

Lucyette ha detto...

:-)

Lo sai che è esattamente la mia stessa situazione?
Cioè, non il fatto di sognare il Sud, ché sono troppo pantofolaia anche solo per sognare lidi così lontani :-P
Però, è proprio la mia situazione.
Occielo: i miei nonni sono andati a vivere a Torino poco dopo la guerra, perché in realtà erano originari di due paeselli piemontesi lì vicino, ma poco cambia. Quando io sono andata a vivere a Pavia, sono stata, IN ASSOLUTO, il membro della mia famiglia (passata e presente) che si è spostata di più. In assoluto.

Una volta, qualche tempo fa, ho realizzato che io ormai definisco Pavia "casa mia", ma in realtà io non ho radici, parenti, famiglia, storia, in questo posto...
E mi ha stupito un sacco!
Alla faccia della globalizzazione, è stato un piccolo shock: cavolo, sono andata via da casa mia. Sono andata, pioniera, in un posto in cui nessun membro della mia famiglia, prima di me, aveva mai vissuto.

Mi sono sentita una specie di pioniera che parte verso il Far West o cose del genere, vedi un po' tu come sto messa... :-P

mammadifretta ha detto...

i luoghi di montalbano..allora montalbano libro http://www.lavalledeitempli.eu/le_spiagge_di_agrigento.html(i miei luoghi natii)...e montalbano film(non assicuro la presente del bonazzo di zingaretti però, a...)http://www.scicliweb.it/... a se avessi..sono solo 25 euro a persona al giorno...e con 20 euro vi mangiate pizza e antipasto da leccarvi i baffi, che l'infanta prende colore...fai vedere queste foto a marito np..e se atterri a trapani spendi due lire e sei lì in pochissimo!

dabogirl ha detto...

careful what you wish for...

mammadifretta ha detto...

passa da me , che ho avuto l'ispiration. ;)

Anonimo ha detto...

una settimana a settembre potresti pure concedertela eh


gi

kriegio ha detto...

Io come sempre sono bipolare (e a questo punto direi pure un po' schizofrenica): adoro e odio allo stesso tempo sia il mare che la montagna!

Ty® ha detto...

Vorrei spiegarti tutto ma sono con il cell e tu in ferie più scollegata che collegata... forse trovo il coraggio di chiamarti... sempre che io riesca prima a decidere quando disturbo poco...
Se non mi dimentico, intanto ti scrivo qui come sono dis-organizzata appena ho un pc... per la 'spiega' a voce chissà...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...